Intervista a: Giulia Bertini

Lei è figlia d’arte, e ci ha concesso di intervistarla tra un impegno e l’altro. Vive a Roma e tra le sue passioni ci sono la fotografia, la regia. Ma di mestiere fa anche la video maker. Si chiama Giulia Bertini, ecco cosa ci ha raccontato:

I: Partiamo…. Giulia Bertini… attrice, fotografa e videomaker… con cosa hai cominciato e quando?
G: Ho iniziato a 13 anni, come attrice nella sit com di mio padre ” cotti e mangiati” Lo stavo aiutando a fare i provini, davo le battute agli attori e alla fine sono stata scelta io per il ruolo della figlia minore.

I: Quando ti sei appassionata alla fotografia e quali sono stati i tuoi primi lavori?
G: Ho sempre avuto una passione per la fotografia. Diciamo che mi sono avvicinata in maniera professionale intorno ai 20 anni, quando ho iniziato a fare qualche book e a lavorare come fotografa di scena a teatro.

I: Video Maker: di cosa ti occupi precisamente?
G: Riprese, montaggio e color correction. Principalmente realizzo backstage cinematografici, lavorando spesso per la Warner Bros backstage di servizi fotografici per la moda tra cui Vanity Fair.

I: Quale tra queste attività ti affascina di più e perchè?
G: Le amo tutte, nessuna è un ripiego dell’altra. accetto con entusiasmo qualsiasi lavoro mi viene proposto. Mi piace creare e tutte e tre le vie mi danno la possibilità di farlo però tendo a proteggere molto il montaggio perché c’è molta ignoranza riguardo al ruolo del montatore.

I: Sei figlia d’arte… c’è un lato di questo aspetto che ti ha portato vantaggi o qualche altro che ti ha penalizzato se c’è?
G: Sono cresciuta nel mondo del cinema, fin da piccola ho visto come si lavorava, ho rubato con gli occhi, assorbito quello che facevano i miei genitori e questa è sicuramente una grandissima fortuna, in più mamma e papà lavoravano e lavorano con persone importanti nell’ambiente, ed i contatti sono fondamentali. Nulla di tutto questo avrebbe potuto o potrebbe penalizzarmi ma delle volte tendo a sottovalutarmi e c’è una domanda che in certi momenti mi tormenta: “sarei qui anche se fossi stata la figlia di un impiegato qualunque?”

I: Parlaci di alcuni tuoi ultimi lavori
G: I più rilevanti sono i backstage cinematografici. L’ultimo al quale ho lavorato è un film distribuito dalla Warner, con Ambra Angiolini, Pietro Sermonti e Sergio Rubini. È stato un film divertente, si chiama “Terapia di coppia per Amanti” tratto dall’omonimo libro. Sermonti è un musicista quindi ci sono state diverse scene con musica e strumenti, ottime per il backstage.
Rimanendo in tema “musica” ho realizzato anche il backstage del CD musicale natalizio di Christian De Sica che uscirà a dicembre.
Sono stata in sala registrazione con lui, i vari musicisti ed il coro, assaporando un po’ di Natale ad agosto!

I: Progetti per il futuro?
G: Servizi fotografici e backstage ma ne ho anche uno più grande che però per scaramanzia preferisco non dire!

James Garofalo

James Garofalo

Fondatore di Immaginaria Studios. Mi occupo di musica, regia e fotografia dal 1987 e presento eventi cinematografici e cosplay. Sono uno scrittore di romanzi.